mercoledì 24 maggio 2017

"Sotto un cielo di stelle"
Omaggio a Vincent van Gogh










Tutto è iniziato con Van Gogh






Affascinati e rapiti dai vortici della sua “Notte stellata”




Questo dipinto venne realizzato da Van Gogh nel 1889 durante la sua permanenza all’ospedale psichiatrico di Sàint-Rémy.

Qui l’artista restò sveglio per tre notti ad osservare la campagna che vedeva dalla sua finestra: silenziosa, maestosa, con quel grande cielo che la sovrastava.

Nel manicomio di Sàint-Rémy Van Gogh restò 53 settimane, nelle quali dipinse 150 tele, trasformando la sua cella in un vero e proprio studio.

“Notte stellata” è un olio su tela di cm 73 x 92, oggi conservato al MOMA di New York.



L’ opera ha un forte potere evocativo, appare semplice pur racchiudendo in sé una natura complessa.

Il cielo occupa gran parte della tela, in basso Van Gogh rappresenta un paese, forse il villaggio olandese in cui è nato.

La tranquillità del piccolo paesino addormentato

 

viene contrastata, in alto, dalla vitalità del cielo notturno, di un blu intenso, con vortici inarrestabili e improvvisi lampi di luce.





Il colore è denso, materico e profondo.

La superficie della tela sembra quasi aggredita da pennellate nervose che cambiano continuamente direzione.




Le stelle, trasformate in spirali, rappresentano il tormento dell’artista, la sua profonda sofferenza interiore.








Mentre il cipresso, in primo piano, è un chiaro presagio di morte. 



Van Gogh è stato uno dei primi artisti ad utilizzare la pittura come espressione dell’”io” e non più come mera rappresentazione della realtà.

Un artista che ha saputo esprimere la sua interiorità irrequieta con opere di grande impatto emotivo.



Riferendosi alla sua “Notte stellata” Van Gogh disse:


"Non so nulla con certezza, ma la vista delle stelle mi fa sognare"
            

            

             




Nei laboratori artistici pomeridiani abbiamo quest'anno sperimentato la tecnica della pittura su vetro con un grande elaborato dedicato proprio a Van Gogh.




Per prima cosa abbiamo realizzato il disegno, ingrandendolo in scala fino alla misura di cm 205 x 152,5





Il disegno è stato poi ricalcato al contrario, perché nella pittura su vetro con doratura si lavora sul retro del supporto.




Sopra al disegno abbiamo posizionato la lastra in plexiglass.



Abbiamo iniziato a ripassare tutti i contorni con il finto piombo





Abbiamo poi dipinto tutti gli spazi con i colori per il vetro.















Infine abbiamo dorato ricoprendo il tutto con foglie di oro zecchino.




La lastra in plexiglass è stata attaccata con colla vinilica al supporto in legno e




finalmente…




abbiamo potuto rigirare il nostro lavoro




e…




ammirare il risultato finale!




E’ stato bellissimo, impegnativo, divertente a tratti stressante ma anche quest’anno …..




Ci siamo riusciti!




Tutti insieme




uguali e diversi




“Sotto un cielo di stelle”






giovedì 4 maggio 2017

lunedì 1 maggio 2017

Prospettive urbane

I ragazzi delle classi seconde della Scuola Secondaria di I grado di Filottrano hanno disegnato delle vie urbane utilizzando la prospettiva centrale, inventata da Filippo Brunelleschi nel 1400.
Non è stato proprio semplice ma, inaspettatamente, sono riusciti a rappresentare lo spazio e a dare l'illusione della profondità.
Molto, molto bravi!















domenica 30 aprile 2017

Piccolissimi, minuscoli puntini!

Gli alunni delle classi 1A, 1B e 1C, della Scuola sec. I grado di Filottrano, hanno creato, con i pennarelli, questi bellissimi elaborati accostando tanti piccoli puntini colorati.
I soggetti e i colori scelti mettono allegria e profumano di primavera!
Complimenti ragazzi!
La prof. Mancini